riso alle spezie

Riso Basmati alle spezie

riso alle spezie

Ingredienti


  • 400 gr di riso basmati
  • 200 gr di verdure miste (cavolo, patate, carote, fagiolini)
  • 150 gr di piselli verdi
  • 3 cipolle a fettine sottili
  • 2 peperoncini a fettine sottili
  • sale
  • 5 gr di peperoncino in polvere
  • 10 gr di cannella
  • semi di cumino
  • 4 chiodi di garofano
  • 2 gr di pepe nero in polvere
  • 4 pomodori
  • 120 ml di yogurt (anche di soia)
  • 60 ml di olio vegetale
  • 2 gr di semi di senape
  • 45 gr di frutta secca (anacardi e uvetta)

Preparazione


Lavate il riso per bene prima di cuocerlo.

Unite al riso 800 ml di acqua, un po’ di sale e 30 grammi di frutta secca. Cuocete con una pentola a pressione o in una pentola. Tagliate tutte le verdure a pezzi piccoli e friggeteli separatamente con dell’olio.

Passate ai piselli, anche quelli da friggere. Quindi mettete 15 ml di olio in una padella e aggiungete semi di senape, peperoncini, cannella e semi di cumino, chiodi di garofano, pepe nero e mescolate per circa un minuto. Poi aggiungete le cipolle e rosolate per un minuto o finché non diventano rosa.

Quindi salate e cospargete di peperoncino in polvere a piacere. Unite i pomodori tagliati finemente e friggete il tutto, finché gli ingredienti non sono cotti.

Prendete lo yogurt, frullatelo per renderlo più liquido e mescolatelo alla frittura. E’ il momento del riso cotto che avete tenuto al caldo; rimestate il tutto in modo delicato e cuocete per circa 3 minuti. Servite su un piatto di portata, guarnite con frutta secca e foglie di coriandolo.

Da gustare caldo con raita e sottaceti.

crepes latte soia

Crêpes vegane con latte di soia

crepes latte soia

Ingredienti


  • 120 gr di farina tipo1 setacciata
  • 200 ml di latte di soia
  • 2 cucchiai di olio di mais o di semi
  • 70 ml di acqua
  • Un pizzico di sale

Preparazione


Mescolate il latte, l’olio e l’acqua poi aggiungete il tutto alla farina e mescolate fino ad ottenere un impasto liscio e fluido; a questo punto coprite la terrina con della pellicola trasparente e lasciate riposare l’impasto circa mezz’ora.

Ungete una pentola antiaderente con dell’olio e versate uno strato non troppo sottile di impasto altrimenti si rompe. Quando i bordi inizieranno ad arricciarsi girare la crêpe e cuocere sull’altro lato.

Ripetere queste operazioni fino ad esaurimento dell’impasto.

Ricordatevi di ungere spesso la pentola per evitare che l’impasto si attacchi.

Farcire le crêpes così ottenute a seconda dei propri gusti.

BUON APPETITO!

Besciamella con latte di soia


Ingredienti


  • 500 ml latte di soia
  • 4 cucchiai farina tipo 1
  • 2 cucchiai olio di oliva
  • sale q.b.
  • noce moscata q.b.

Preparazione


Stemperate la farina in poco latte per evitare grumi e lentamente aggiungete il restante latte.

Scaldate in un pentolino i due cucchiai di olio e in seguito aggiungete il composto di latte e farina. Portate a bollore continuando a mescolare e cuocete altri 2 o 3 minuti; a questo punto spegnete e regolate di sale e noce moscata secondo il vostro gusto.

Marmellata di bucce


Ingredienti


  • Bucce di arance
  • Zucchero

Preparazione


Conserviamo l’avanzo della spremuta, polpa e buccia: da un ricettario di ricette triestine, istriane e dalmate poi confermatemi da un amico appunto di Trieste ecco una preparazione che faceva anche la sua nonna…

Fate macerare le bucce d’arancia – dopo avere tolto l’albedo cioè la parte bianca, in acqua per 2/3 giorni, avendo l’accortezza di cambiare l’acqua la mattina e la sera.

Il terzo giorno, fate bollire le bucce in acqua per 15 minuti, scolate e passate al mixer.

Pesate le bucce, unite pari peso di zucchero e fate cuocere fino a quando l’acqua contenuta nella frutta sarà evaporata e il composto avrà la consistenza di una marmellata. Eventualmente prima passatelo nel mixer.

Travasate la marmellata in dei vasi ermetici, precedentemente sterilizzati, chiudete e fate raffreddare capovolto. Ottimo con formaggi di capra. Le bucce sono molto sfruttate anche per l’oggettistica, dalle candele ai pot pourri.

Salsa di mele


Ingredienti


  • Bucce di 500 g di mele biologiche
  • 100/150 ml di brodo vegetale
  • 1/2 limone
  • 2 scalogni grossi
  • 2 cucchiai di olio
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 chiodo di garofano
  • 2 foglie di salvia
  • 2 bacche di ginepro
  • Sale

Preparazione


Lavate le bucce e mettetele in una casseruola con la scorza di limone tagliata a pezzetti, il brodo, le spezie, il ginepro e la salvia; al bollore abbassate la fiamma e portate a cottura.

Intanto tritate gli scalogni e metteteli in una padellina con l’olio e altrettanta acqua, salateli leggermente e fateli insaporire a fuoco medio, rimestando.

Alzate la fiamma e fate evaporare il liquido.

Mescolate il trito alle bucce e passatelo con il frullatore a immersione. Completate con il succo di limone e regolate di sale.

Usate la salsa per condire fagioli stufati o verdure alla griglia.

Torta di zucche e mele alla monferrina


Ingredienti


  • Zucca
  • Mele
  • Zucchero di canna
  • Cioccolato (Equomercato)
  • Latte di soia
  • Uvetta
  • Frutta secca

Preparazione


Una torta di una bruttezza incredibile e di un gusto insuperabile.

Mondate la zucca, tenete tutto, le bucce per i muffin vegetali i semi per gli snack al burro da fare in forno. La parte mondata tagliatela sottilissima, devono essere almeno 300 gr. e passatele per 15 minuti in padella con poco latte di soia.

Lasciate raffreddare, intanto tagliate le mele, anche qua tutto a parte il picciolo legnoso e passatele in padella con due cucchiai di zucchero di canna per 15 minuti.

Unite zucca e mela in una terrina. Aggiungete poi una alla volta mescolando bene, biscotti secchi, due cucchiai di farina, ancora zucchero, uvetta fatta rinvenire e ben strizzata, frutta secca, la buccia di mezzo limone o di un arancio o entrambe.

Se volete anche mezzo bicchierino di rum o cognac o entrambi… No! Siamo seri ma questa torta si presta a mille varianti mille! Quindi cacao e cioccolato in scaglie. Infornate tutto a 180 gradi (forno caldo) per almeno 40 minuti. Deve essere asciutta ma elastica. Spegnete il forno e lasciatela asciugare completamente.

Servitela a quadrotti con una fettina di limone e spolverata di caffè (consigliamo Don Durito della torrefazione Malatesta) e qualche anacardo o pistacchio salato.

Hummus di fagioli


Ingredienti


  • Fagioli (Lesca)
  • Sedano
  • Porri
  • Olio
  • Olio di semi
  • Paprika dolce
  • Sale
  • Pepe

Preparazione


Ammollate i fagioli per almeno 12 ore e versate con la loro acqua di ammollo in una pentola, cuocete a fuoco lentissimo per almeno un’ora avendo avuto l’accortezza di aggiungere dell’alga Kombu che assorbe le saponine. Quella poi la dovete togliere una volta cotto il tutto, i fagioli devono risultare teneri ma non sfatti.

Anche qui molta attenzione, il legume ha un tensioattivo e va schiumato. A cottura ultimata togliete l’alga kombu scolate tenendo l’acqua di cottura.

Frullate il tutto ammorbidendo con l’acqua di cottura, insieme a un porro, tenendo da parte un po’ di fagioli interi che userete per guarnire.

Il composto deve essere di colore chiaro, regolate di sale e aggiungete olio a filo. Servire con abbondante paprika dolce e un filo di olio.

Hummus di ceci


Ingredienti


  • Ceci (Lesca e Madreterra)
  • Cipolle
  • Sedano
  • Olio
  • Olio di semi
  • Limone
  • Cumino
  • Paprika

Preparazione


Questo è un piatto che si gioca tutto sulla qualità dell’ingrediente principale. Poche regole ma sbagliarlo è un attimo. Lasciate in ammollo i ceci 18-24 ore. Quindi versate ceci e acqua in una pentola e lasciate cuocere per oltre un’ora – dovete controllare la cottura perché i ceci vanno schiumati almeno tre volte.

Non è una ricetta per tutti si intende… scolate i ceci tenendo la loro acqua di cottura, mettete i ceci in un robocucina, salate aggiungete mezza cipolla e una costa di sedano, il succo di mezzo limone, questo sono le dosi per circa 300 gr. di ceci a crudo. La nostra sezione aurea.

Frullate il tutto aggiungendo olio a filo e un po’ di acqua di cottura. Il composto deve montare e diventare chiarissimo. A mantecatura completa aggiungete i semi di cumino.

Versate in una ciotola e guarnite con olio, paprika dolce, altro cumino e fettine di limone o di lime.

Farinata di ceci


Ingredienti


  • 500 gr di farina di ceci
  • Acqua
  • Olio di Oliva evo
  • Sale
  • Pepe

Preparazione


È una ricetta molto semplice, ma non banale, quindi come dice Rubini, sbagliarla è ‘n’attimo! Versate la farina di ceci in acqua
diluendola per 500 gr. di farina ci vuole più o meno un litro e mezzo di acqua. Attenzione ai grumi e salate. Lasciatela riposare per almeno 4 ore. Vista la macerazione lunga, potete prepararla il giorno prima lasciandola in ammollo tutta la notte. Togliete la schiuma che eventualmente si sarà depositata in superficie e mescolate bene il composto.
Versate quindi in una teglia un bicchiere di olio, ungendo bene bene il recipiente. Quindi versate il composto. Rimescolate, il composto deve assorbire interamente l’olio. Mettete lo stampo in forno caldo a 200°; ovviamente la farinata si faceva in un forno da pizza, a legna, con ben altre temperature che quelle del forno domestico. La farinata è cotta nel momento in cui prende un bel colore brunito.
Spolverizzatela di pepe – come ho detto è la nostra variante prediletta e servitela bollente. Ma attenzione, la farinata non è un piatto da tavola viene servita per tutto l’arco della giornata – decisamente street!


La farinata di ceci è anche conosciuta come torta di ceci o faina alla genovese. È una ricetta tradizionale regionale ligure molto diffusa dalle innumerevoli varianti, nella zona di Omeglia viene cosparsa di cipolla cruda tagliata finissima, aggiunta prima di infornarla; mentre nella zona di Savona, è più alta fino a due, tre centimetri e spolverizzata con fogliette di rosmarino, in altre zone viene cosparsa di pepe di fresca macinatura (questa è la variante che preferisco).
Nel sanremese la farinata è invece sottilissima e usata come piatto di mezzo, viene servita accompagnata da erbette e radicchio.

Cous Cous inaspettato


Ingredienti


  • Cous Cous di semola di grano duro
  • Mandorle pelate
  • Uvetta
  • Olio
  • Capperi
  • Mela secca non squaqquera

Preparazione


Preparate il cous cous nel solito modo: portate a ebollizione 2 parti + mezza di acqua per ogni parte di cous cous, salate.
A ebollizione raggiunta aggiungete il cous cous, mischiate bene con una frusta per evitare grumi.
lasciate 5-7 minuti e quindi sgranatelo, avrà assorbito tutta l’acqua diventando compatto. Ripassate in padella le mandorle, aggiungete al cus cus con i capperi dissalati e ben strizzati le mele secche, devono essere toste e non squaqquere cioè che si disfano.
Aggiungete olio e condite il tutto